Guarda il video

12
13


MARTEDI’ BREZZA:

In questo video ripercorriamo i momenti della carriera di Gianni, legati al mondo della danza. Qui in un balletto tratto da “Hai visto mai?” con GIANNI e LOLA FALANA
(tina)



12 Commenti

  1. Bravo Gianni, brava Lola falana davvero due ballerini d’eccezione, ciao Tina ti ho scritto sulla pagina del cinema poi ieri abbiamo fatto un anno d9’amicizia

  2. Antonio Iavarone, Antonio Quaranta, Giovan Battista Maniscalco, Angelo Anfossi, Emilia D’Angelo, Magistris Nicola, Salvatore Frasca, Adriano Di Domenico Due, Adriano Vecchio, Bruna Massa, Luciano Silletti, Antonella Fanzaga, Angelo Santangelo, Cris Tian, Lello Bisceglie, Mont Ida, MusicBand Baaria, Paolo Attolini, Fontana Oriana Meda Roberto, Enzo Paolo Turchi, Roberto Parodi, Roberto De Angelis, Roberto Parodi, Armando Cantatore

  3. c’e’ poco da fare..nei programmi di prima c’era piu’ preparazione e professionalita’.guarda che ti combinano Lola Falana,Enzo Paolo Turchi e il nostro Brezza.un balletto apparentemente semplice ma di gran classe

  4. 5 minuti con Gesù 0532019
    Vieni Spirito Santo,vieni per mezzo della potente intercessione del cuore Immacolato di Maria,tuaamatissimasposa…
    Vangelo
    Dal Vangelo secondo Marco 10,28-31
    In quel tempo, Pietro disse a Gesù: “Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito”.
    Gesù gli rispose: “In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna. E molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi”.
    Meditazione biblica
    Nel vangelo di ieri, Gesù parlava della conversazione tra i discepoli sui beni materiali: distanziarsi dalle cose, vendere tutto, dare ai poveri e seguire Gesù. Ossia, come Gesù, devono vivere in totale gratuità, mettendo la propria vita nella mano di Dio, servendo i fratelli e le sorelle (Mc 10,17-27). Nel vangelo di oggi Gesù spiega meglio come deve essere questa vita di gratuità e di servizio di coloro che abbandonano tutto per lui, Gesù, e per il Vangelo (Mc 10,28-31).
    Pietro osserva: “Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito”. E’ come se dicesse: “Abbiamo fatto ciò che il Signore chiese al giovane ricco. Lasciammo tutto e ti abbiamo seguito. Spiegaci, come deve essere la nostra vita?” Pietro vuole che Gesù spieghi un poco di più il nuovo modo di vivere nel servizio e nella gratuità. La risposta di Gesù è bella, profonda e simbolica. Il tipo di vita che scaturisce dal dono di tutto è l’esempio del Regno che Gesù vuole instaurare: (a) Estende la famiglia e crea comunità come famiglia di numerose famiglie, aumenta cento volte il numero di fratelli e sorelle. (b) Produce la condivisione di beni, poiché tutti avranno cento volte di più case e campi. La provvidenza divina si incarna e passa per l’organizzazione fraterna, dove tutto è di tutti e non ci sono più persone nel bisogno. Loro mettono in pratica la legge di Dio che chiede “tra di voi non ci siano poveri” (Dt 15,4-11). Fu ciò che fecero i primi cristiani (At 2,42-45). E’ il vissuto perfetto del servizio e della gratuità. (c) Non devono aspettare in cambio nessun vantaggio, nessuna sicurezza, nessun tipo di promozione. Anzi in questa vita avranno tutto questo, ma con persecuzioni. Poiché, coloro che in questo mondo organizzato, a partire dall’egoismo e dagli interessi di gruppi e persone, vivono l’amore gratuito ed il dono di sé, saranno crocifissi come lo fu Gesù. (d) Saranno perseguitati in questo mondo, ma nel mondo futuro avranno la vita eterna di cui parlava il giovane ricco.
    Una duplice schiavitù marcava la situazione della gente all’epoca di Gesù: la schiavitù della politica di Erode, appoggiata dall’impero romano e mantenuta da tutto un sistema ben organizzato di sfruttamento e di repressione, e la schiavitù della religione ufficiale, mantenuta dalle autorità religiose dell’epoca. Per questo, il clan, la famiglia, la comunità, si stava disintegrando e una gran parte della gente viveva esclusa, emarginata, senza dimora, nella religione, nella società. Per questo c’erano diversi movimenti che cercavano un nuovo modo di vivere in comunità: esseni, farisei e, più tardi, gli zeloti. Nella comunità di Gesù c’era qualcosa di nuovo che la rendeva diversa dagli altri gruppi. Era l’atteggiamento verso i poveri e gli esclusi. Le comunità dei farisei vivevano separate. La parola “fariseo” vuol dire “separato”. Vivevano separati dalla gente impura. Molti farisei consideravano la gente ignorante e maledetta (Gv 7,49), in peccato (Gv 9,34). Gesù e la sua comunità, al contrario, vivevano insieme alle persone escluse, considerate impure: pubblicani, peccatori, prostitute, lebbrosi (Mc 2,16; 1,41; Lc 7,37). Gesù riconosce la ricchezza e il valore che i poveri posseggono (Mt 11,25-26; Lc 21,1-4). Li proclama felici, perché il Regno è loro, è dei poveri (Lc 6,20; Mt 5,3). Definisce la sua missione: “annunciare la Buona Novella ai poveri” (Lc 4, 18). Lui stesso vive da povero. Non possiede nulla per sé, nemmeno una pietra dove reclinare il capo (Lc 9,58). E a chi vuole seguirlo per condividere la stessa sorte, ordina di scegliere: o Dio o il denaro! (Mt 6,24). Ordina di scegliere a favore dei poveri! (Mc 10,21) La povertà che caratterizzava la vita di Gesù e dei discepoli, caratterizzava anche la missione. Al contrario di altri missionari (Mt 23,15), i discepoli e le discepole di Gesù non potevano portare nulla, né oro, né denaro, né due tuniche, né borsa, né sandali (Mt 10,9-10). Dovevano avere fiducia nell’ospitalità (Lc 9,4; 10,5-6). E se fossero stati accolti dalla gente, dovevano lavorare come tutti gli altri e vivere di ciò che ricevevano in cambio (Lc 10,7-8). Inoltre, dovevano occuparsi dei malati e dei bisognosi (Lc 10,9; Mt 10,8). Allora potevano dire alla gente: “Il Regno di Dio è in mezzo a voi!” (Lc 10,9).
    Confronto personale
    Tu, nella tua vita, come metti in pratica la proposta di Pietro: “Abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito”?
    Condivisione, gratuità, servizio, accoglienza agli esclusi sono i segni del Regno. Come le vivo oggi?
    Preghiere
    Dio è fedele e generoso; egli ricompensa il più piccolo sacrificio compiuto per amore del vangelo. Con fede viva lo invochiamo dicendo:

    Benedici il tuo popolo, Signore.

    Per i nostri sacerdoti e religiosi: rendili spiritualmente fecondi, lieti nella loro povertà. Preghiamo:Benedici il tuo popolo, Signore.

    Per i genitori cui tu chiedi un figlio per la Chiesa: fa’ che abbiano consolazione e sentano la bellezza di donare. Preghiamo:Benedici il tuo popolo, Signore.

    Per chi non ha famiglia: fa’ che senta il calore della comunità e la protezione del tuo Spirito. Preghiamo:Benedici il tuo popolo, Signore.

    Per chi soffre a causa del vangelo: infondigli la forza e la speranza dei martiri e dei santi. Preghiamo: Benedici il tuo popolo, Signore.
    Grazie Gianni,io sento sempre ché da lassu sei felice che prego sempre sempre per te e Loretta,un giorno verrai tu a trovarmi in paradiso per abbracciarmi al tuo cuore,sono piu’,che sicuro…Don Lello…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui