Discografia Compact Disk

0
51

VIENI VIA CON ME

BMG-RICORDI – 2001

 

TRACKS  Vieni via con me (taratapunzi-e) – Pun tan tai / Dolce e triste / Ti chiedo scusa / Come amico / Due ragazzi / Cibù Cibà /  Io sto vivendo senza te / Chi salta il fosso / Per favore! / Ciao, Settembre / Scusa se insisto.

E’ il primo 33 giri ufficiale di Loretta, anche se in realtà consiste in una raccolta di brani incisi dal 1969 in poi per la Durium e pubblicati in formato long-playing sulla scia del successo di Loretta in Canzonissima 1972, la cui sigla, Vieni via con me (taratapunzi-e), è brano trainante dell’intero disco. La veste grafica del 33 giri riprende quella del 45 giri omonimo con una differenza di colore che in questo caso è grigio.

L’unico brano inedito del disco è la versione italiana di “Dolce e Triste”, che Loretta aveva inciso l’anno precedente in lingua giapponese esclusivamente per il mercato nipponico e con il quale aveva vinto il Festival della canzone popolare mondiale di Tokyo.

Tra i brani, relativamente ai quali vi rimandiamo ai commenti on line sulla discografia a 45 giri, segnaliamo una versione accorciata di “Scusa se insisto”, lato B del primo 45 giri Durium di Loretta, inciso nel 1969.

 

FORMULA 2

BMG-RICORDI – 2001

 

TRACKS  Molla tutto / Un pomeriggio con te / Come diceva il poeta / Esci dalla mia mente / Fio Maravilha / Amanti ed angeli / Il cuscino / Solo l’emozione / Na na na / Mettiamo che tu.

 

“Formula 2” esce a fine anno nel 1973, lo pubblica la Durium ed è il primo album di Loretta composto interamente da inediti.

Il disco è prodotto da Enrico Polito, uno dei più famosi produttori musicali degli anni 70, musicista e produttore, tra gli altri, di Massimo Ranieri. Polito decide di puntare sulle notevoli capacità vocali di Loretta scegliendo una serie di canzoni che ne massimizzano la duttilità, la potenza e l’abilità interpretativa tra le quali segnaliamo “Amanti ed Angeli” e “Solo l’emozione”. Nonostante i suoi 23 anni Loretta si dimostra interprete raffinata di canzoni di elevato livello che presenta, in uno spazio tutto suo, all’interno di “Formula 2”, show del sabato sera del primo canale Rai, che conduce assieme ad Alighiero Noschese.

La trasmissione, così come dice il titolo, è interamente incentrata sullo straordinario talento di Loretta e Noschese che in ogni puntata si trasformano letteralmente e danno vita ad irresistibili imitazioni di personaggi famosi del mondo dello spettacolo, della politica e dell’attualità. Loretta, che già da alcuni anni aveva iniziato a proporre le sue imitazioni in TV, diventa, ufficialmente, la prima (e l’unica) vera imitatrice donna dello spettacolo italiano.

E’ l’unica che riesce ad entrare nei panni dei personaggi riproducendoli fedelmente in maniera ironica ed irresistibile senza però ridicolizzarli. La “sua” Mina è stata, è, e sarà, l’unica “autentica” imitazione di Mina… se c’è qualcuno disposto a smentirci si faccia avanti! Brano di punta del 33 giri è “Molla Tutto” (vedi discografia a 45 giri) sigla della trasmissione con Noschese. Tra gli altri brani segnaliamo “Come diceva il Poeta”, cover di un brano del musicista brasiliano Vinicius De Moraes “Como dizea o poeta” e “Fio Maravilha”, anch’essa cover di un grande successo di Toquiño. La copertina vede Loretta in una inedita versione “quotidiana”,  fotografata in vari momenti della sua giornata, con le foto composte in modo da formare la sagoma di una farfalla.

 

C’E’ POESIA

FONIT CETRA – 1986

 

TRACKS C’è poesia / Lei verrà (con Mango) / Se io non ti avessi amato / Signora (con Mario Lavezzi) / Leggera confusione / Un piccolo aiuto (con Zucchero Fornaciari / Voci / Non mi lasciare (con Dario Baldan Bembo) / Io nascerò / Poco più di niente (con Enrico Ruggeri) / Non la puoi chiamare vita / Chissà se mi ritroverai (con Gianni Togni).

Dopo alcuni anni di inattività discografica Loretta firma un contratto con la Fonit-Cetra e pubblica un LP che segna una linea di confine netta nei confronti della precedente produzione discografica. Oltre a cambiare etichetta Loretta cambia gruppo di lavoro, si affida ad una storica produttrice della musica italiana, Giusta Spotti, e ad un team di giovani affermati musicisti guidati da Pinuccio Pirazzoli, che è arrangiatore del disco. Nasce così “C’è Poesia”, che prende il titolo dal brano omonimo, composto da Alberto Salerno e Mango, un brano difficile, di grande atmosfera e dalla originalissima struttura melodica.

Il disco è composto per metà da brani inediti interpretati da Loretta e per metà da canzoni famose interpretate in duetto da Loretta e dall’autore-interprete del brano stesso Loretta diventa interprete al passo coi tempi e la sua duttilissima voce le permette di adattarsi ai nuovi stili delle canzoni che compongono il disco che sembrano composte appositamente per lei. La oramai consolidata credibilità di Loretta come interprete musicale è comprovata dai duetti con cantautori come Mango, Mario Lavezzi, Zucchero, Baldan Bembo, Togni ed Enrico Ruggeri (alcuni di loro autori anche di altri pezzi del 33 giri).

Le canzoni del disco, in tutto 12, vengono presentate all’interno della nuova trasmissione di Loretta, “Il bello della Diretta”, in onda su Rai Uno il giovedì sera, in diretta dagli studi della Fiera di Milano, per la regia di Gianni Brezza.

Il disco diventa un grande successo e la Fonit-Cetra ne aumenta la tiratura dopo poche settimane dall’uscita. A tutt’oggi risulta il 33 giri di Loretta più venduto. Nel disco viene opportunamente inserito “Io Nascerò”, l’hit single di Loretta, sigla di Sanremo 86, che ne diventa brano trainante (vedi discografia 45 giri).

“C’è poesia”, inizialmente uscito solo su supporto in vinile e cassetta, nel 1989 è uscito anche in versione cd. Purtroppo, a causa dei materiali non proprio di prima qualità utilizzati allora dalla Optimes, casa produttrice dei cd per la Fonit-Cetra, questi cd con il tempo perdono le tracce musicali che vi consigliamo, pertanto, di duplicare in modo da poterle conservare. “C’è poesia” è senza dubbio uno dei dischi più belli di Loretta.

 

C’E’ POESIA 2

FONIT CETRA – 1987

 

TRACKS La notte / Fuori ci sono i lupi (con Giorgio Conte) / Isolatamente / E intanto vivo (con Michele Zarrillo) / La pelliccia / La rosa dell’inverno (con Mango) / Crimine d’amore / Una luce (con Gianni Bella) / Stile / L’astronave che arriva (con Sergio Caputo).

 

Nel 1987, sulla scia del successo di “C’è Poesia”, la Fonit-Cetra propone a Loretta un nuovo album con canzoni inedite e duetti con cantautori. Il disco viene annunciato, ancora in fase di  preparazione, da Loretta stessa a Discoring durante un collegamento con Anna Pettinelli ed il titolo è proprio “C’è Poesia Due”. Il disco esce in primavera, in contemporanea con la nuova trasmissione di Loretta per la RAI, “Canzonissime”. Lo spettacolo, diretto da Gianni Brezza, è un tributo vero e proprio alla musica italiana le cui tappe vengono ripercorse attraverso le case discografiche italiane più importanti; ad ognuna di loro è dedicata una puntata e tutti gli artisti che ne fanno parte o ne facevano parte in passato, sono ospiti di Loretta al Teatro delle Vittorie in Roma. La seconda puntata, dedicata alla Fonit-Cetra, offre a Loretta la possibilità di presentare “C’è Poesia Due”, del quale viene presentato un estratto di ben tre pezzi, “La rosa dell’inverno”, cantata con Mango, “Fuori ci sono i lupi” con Giorgio Conte e “E intanto vivo” con Michele Zarrillo. Un altro brano del disco, “La Notte” di A.Salerno e A. Mango (il fratello di Pino Mango, anch’egli eccellente musicista) è sigla finale della trasmissione che, nella versione televisiva, presenta una conclusione musicale più lunga rispetto alla versione incisa.Gli altri duetti sono con Gianni Bella (“Una luce”) con Sergio Caputo (“E l’astronave che arriva”), rispettivamente presentate nelle puntate dedicate alla RCA e alla CGD.

Gli arrangiamenti sono di Pinuccio Pirazzoli, la produzione sempre di Giusta Spotti.

 

PUNTI DI VISTA

FONIT CETRA – 1989

 

TRACKS Il mio uomo / Poter dividere / E mi piaci tu / Caro amore / Desideri / Ottocento / Fino all’ultimo respiro / Questo show / Grande / Passi

 

Il binomio Goggi-Lavezzi raggiunge il top con l’album “Punti di Vista” che esce nel 1989.

Loretta incide un album di prestigiosissimi inediti, tutti “griffati”. Ron, Enrico Ruggeri, Gianni Bella, Raf, sono solo alcuni dei nomi che firmano i pezzi del disco che contiene dei veri piccoli capolavori come “Ottocento”, “Questo Show”, “Fino all’ultimo respiro” e, soprattutto, “Il mio uomo”, precedentemente uscito come singolo a fine ’88 (vedi discografia a 45 giri) e che nel frattempo aveva già scalato le classifiche e che fa da traino all’intero disco. Le canzoni vengono presentate all’interno di “Via Teulada 66”, un nuovo programma televisivo di mezzogiorno condotto da Loretta sempre su Rai Uno per la regia di Gianni Brezza. “Punti di vista” diventa un disco di successo, entra in hit parade e rappresenta per Loretta una nuova conferma artistica come interprete musicale. Tra i brani, oltre quelli già segnalati, ricordiamo “Poter Dividere”, di Gianni Bella e Geoff Westley, “E mi piaci tu” di Roberto Soffici e “Desideri” di Paolo Vallesi. Non c’è che dire, proprio un gran bel disco. La Fonit-Cetra continua a sorprendere per pigrizia professionale: copertina semplicissima in bianco e nero e, manco a dirlo, non ci sono i testi nella busta interna.

home pagepagina seguente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui