CICCIOTTELLA /

LA MARCIA DEI BAMBINI CHE VANNO A LETTO

WEA - 1979

 

Sempre nel 1979 esce “Cicciottella”, sigla di

“Fantastico BIS”, il piccolo spazio dedicato alla

trasmissione del sabato sera all’interno della

Domenica In di Pippo Baudo. La canzone, un

delizioso brano di Bruno Lauzi e Totò Savio, diventa

uno straordinario successo in poche settimane.

Loretta è presente in Hit parade con due 45 giri

contemporaneamente. Sul lato B un altro pezzo di Lauzi, “La marcia dei

bambini che vanno a letto”. Da ricordare l’interpretazione di “Cicciottella” tratta

da Superclassifica Show, con Loretta che canta abbuffandosi di dolciumi.

 

NOTTI D'AGOSTO / NUN T'ALLARGA'

WEA - 1980

 

Il singolo di Loretta dell’estate 1980. Un brano di

Franco Califano e Totò Savio che racconta la

travolgente, intensa, ma fugace passione di una

vacanza estiva. La canzone è cantata in italiano con

alcune digressioni in dialetto romanesco. Il retro,

sempre cantato a metà tra italiano e romanesco, è

“Nun t’allargà”, uno dei pezzi più belli di Loretta,

opportunamente inserito, l’anno seguente, nel bellissimo 33 giri “Il mio prossimo amore”.

 

MALEDETTA PRIMAVERA / MI SOLLETICA L'IDEA

WEA - 1981

 

E' il più grande successo discografico di Loretta, 

tra le canzoni che sono diventate un mito. Seconda

a Sanremo 81, in testa alle classifiche di tutta

Europa.  Più di un milione di dischi venduti, disco

d’oro e di platino…l’esempio di come una canzone,

quando è bella davvero e ben interpretata, può

continuare a far parlare di se anche dopo vent’anni.

Un testo intrigante, una melodia irresistibile e

travolgente: una delle più belle canzoni italiane  Nel retro una canzone scritta da

Loretta e dall'esordiente Michele Zarrillo, “Mi solletica l’idea”:

autobiografia pura.

 

IL MIO PROSSIMO AMORE / PENELOPE

WEA  - 1981

 

E' il brano di punta del nuovo album di Loretta ed è

anche sigla di un programma del quale è assoluta

protagonista, un one woman show che tiene a

battesimo Canale 5, la nuova emittente TV di

Berlusconi della quale costituisce il primo vero

spettacolo musicale. La regia è di Enzo Trapani e le

coreografie di Gianni Brezza. Autori del brano i

mitici Cassella-Savio.  Loretta inizia ad

accompagnare i  suoi brani con  movimenti coreografici che diventano parte

integrante della melodia e del testo. Come non ricordare il famoso gesto con

le mani che si incontrano di scatto e si aprono lentamente assieme alla ritmica

del ritornello? Il lato B  è “Penelope”, anch'esso estratto dal 33 giri "Il mio

prossimo amore".

 

PIENO D'AMORE / ARRIVEDERCI STELLA DEL NORD

WEA - 1982

 

“Pieno d’amore” è il singolo di fine estate di

Loretta, sigla di una trasmissione radiofonica che

Loretta conduce per la RAI, “Effetto Musica”. Il

pezzo anticipa l’uscita di un 33 giri che porta lo

stesso titolo e che esce in autunno, sempre per la

WEA. Il binomio Cassella-Savio è di nuovo vincente,

la canzone è perfetta per Loretta, “cucita” su di lei,

ed ovviamente diventa un successo. Il brano viene

presentato a Saint Vincent estate e successivamente a “Domenica In”. Il retro,

“Arrivederci Stella del Nord”, sensuale brano dal testo maliziosamente

ambiguo: un ennesimo gioiello nascosto.

 

OCEANO / STRALUNATA ROMA

WEA - 1982

 

“Oceano” è il secondo estratto dall’album “Pieno

d’amore”. Una bellissima canzone dal testo intenso

interpretata con impeto e passione. La canzone

diventa sigla finale di “Gran Varietà”, uno spettacolo

musicale che Loretta conduce su Retequattro. 

La canzone viene presentata ad “Azzurro”, gara

canora a squadre, in onda, ad inizio estate, su Rai

Due.  Il retro è una canzone scritta da Loretta, un

autoironico racconto di una donna che passeggia lungo le sponde del Tevere 

e riflette sulla sua vita sentimentale e che, sfiduciata da tutto e tutti, vede nella

propria città, l’amica alla quale chiedere conforto e protezione.

 

 

pagina precedente - pagina seguente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2000-2005 © www.lorettagoggi.it