IL MIO PROSSIMO AMORE

WEA - 1981

 

Lato A  Il mio prossimo amore / Assassina /

Se mi sposerò / Nun t'allargà / E pensare che ti amo

Lato B  Maledetta Primavera / Penelope / Ti voglio non ti voglio / Ora...Settembre.

 

Nell’autunno 1981 la Wea pubblica l’atteso album di

inediti che, dopo il grande successo di Maledetta

Primavera, tutti i fans di Loretta aspettavano. Il titolo

del disco è “Il mio prossimo amore” come la canzone di punta del 33 giri,

scritta da Cassella-Savio, che esce anche a 45 giri. Loretta inizia una

promozione televisiva capillare che la porta a presentare il brano in molti

programmi televisivi dell’epoca. Il brano è anche sigla finale di “Hello Goggi” il

programma televisivo con il quale Loretta tiene a battesimo Canale 5 che a quei

tempi era ancora un piccolo network televisivo privato emergente.

Il disco raccoglie canzoni di straordinaria intensità, in parte composte dal duo

Cassella-Savio, in parte dalla stessa Loretta (“E pensare che ti amo”) e anche

da autori d’eccezione come Dario Baldan Bembo (“Ora…settembre”) e

Donatella Rettore (“Assassina”).  Gli arrangiamenti e la produzione sono di

Totò Savio. Il disco, che ovviamente contiene anche “Maledetta Primavera”

diventa un grande successo in tutta Europa, ne esce infatti una versione

realizzata appositamente per il mercato tedesco che contiene come bonus

track “L’aria del sabato sera”. Tra i pezzi dell’album segnaliamo “Se mi

sposerò”, una delle più belle canzoni di Loretta per interpretazione, testo ed

arrangiamento. 

 

STANNO SUONANDO LA NOSTRA CANZONE

POLYDOR - 1981

 

LATO A  Overture / Io vorrei volare / Come si fa /

Se mi conoscesse / Stanno suonando la nostra

canzone (lui) / Stanno suonando la nostra canzone

(lei) / Se mi conoscesse (ripresa) / Mai

LATO B  Entr'act / Stanotte noi / Quando sei con me /

Credo ancora nell'amore / Senza parole / Stanno

suonando la nostra canzone (finale).

 

Nel 1981 Loretta vince su tutti i fronti: Sanremo, hit parade, televisione e teatro.

Nel novembre 1981 , al Teatro Nuovo di Milano, debutta “Stanno suonando la

nostra canzone”, commedia musicale di Neil Simon, per la prima volta tradotta

ed allestita in Italia. Per Loretta un partner di eccezione, Luigi Proietti, che è

anche regista dello spettacolo. “They are playing our song”, questo il titolo

originale della commedia, narra le vicissitudini professional-sentimentali di

due giovani musicisti, un compositore (Proietti) e una autrice di testi (Loretta)

che, con il pretesto di comporre insieme una canzone di successo, finiscono

per innamorarsi. Lo show registra il tutto esaurito a Milano e Roma e viene

riproposto a Milano nella stagione successiva. Dallo spettacolo viene tratto un

33 giri che raccoglie tutte le canzoni cantate dai due attori. Inutile dire che

Loretta è superlativa: gli applausi a scena aperta sono tutti per lei.  Non

esistono registrazioni video dello spettacolo, ma alcune porzioni furono

trasmesse all’interno di “Blitz”, il contenitore televisivo domenicale condotto

da Gianni Minà. Il 33 giri, pubblicato dalla Polygram su etichetta Polydor,

contiene delle bellissime foto di scena, con la trama dello spettacolo ed i testi

delle canzoni. Purtroppo non è mai stato ristampato.

 

PIENO D'AMORE

WEA - 1982

 

Lato A  Pieno d' amore / E l'aeroplano va via /

E c'è di mezzo il mare / Solo un'amica /Stralunata

Roma  Lato B  Oceano / Solito amore / Arrivederci

stella del Nord / Io voglio di più.

 

 

Continua la collaborazione con la Wea e nel 1982 Loretta pubblica un album dal titolo “Pieno

d’amore”.  Il disco, come il 33 precedente, è prodotto da Totò Savio e contiene

l’omonimo singolo che ne aveva anticipato l’uscita (vedi discografia a 45 giri). 

Il disco esce inizialmente con una copertina che raffigura Loretta come la

“Venere” del Botticelli (con tanto di cuffietta stereo in mano).

Successivamente il disegno-dipinto di Tallarini viene sostituito dallo scatto

fotografico già presente nella busta interna del disco, un bellissimo primo

piano in bianco e nero di Loretta. Un altro scatto, anche questo un primo piano,

viene inserito sul retro di copertina. “Pieno d’amore” è indubbiamente uno dei

dischi più belli di Loretta. Contiene delle canzoni che sono rimaste nel cuore

di tutti i suoi fans, a partire dalla title track per

proseguire con altri grandi pezzi come “Solo

un’amica”, “Solito Amore” e “Oceano”, uscito

anche come singolo a 45 giri l’anno successivo. 

Le canzoni del disco sono quasi interamente

composte dall’ormai affiatato team Cassella-Savio,

con alcune variazioni in “Io voglio di più”,

(dichiarazione d’amore in musica di una artista

nei confronti del suo pubblico) scritta anche da

Michele Zarrillo e in “Solito Amore” e “Stralunata

Roma”, il cui testo è scritto dalla stessa Loretta.

Il disco ottiene delle ottime recensioni e diventa un successo.“Pieno d’amore”

è una delle canzoni che il pubblico maggiormente associa a Loretta,

indimenticabile il verso “quattro stelle fanno un cielo per chi non ce l’ha”.

 

 

pagina precedente - pagina seguente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2000-2005 © www.lorettagoggi.it